BERLINO – 18 constatazioni, 6 giorni e un diario di viaggio!

Agosto afoso e voglia di vacanza?

La scelta non poteva che ricadere su…

Il mio diario di viaggio che ho tenuto nei sei giorni a Berlino, con i posti che ho visitato e una serie di constatazioni che mi hanno fatto riflettere.

(NB: in questo viaggio ho percorso esattamente 76,5 km a piedi. YEAH!!!)

Volo Ryanair da Milano Bergamo a Berlino Schoenefeld, ostello citystay Hostel

GIORNO 1:

Kreuzberg:  Checkpoint Charlie, Topographie des Terrors, Potsdamerplatz, Martin Gropius Bau

          Alexanderplatz, Hackescher Markt.


Constatazione 1: prima vera esperienza in ostello ed è stato come immaginavo: stanzoni e ragazzi pronti a fare nuove international frienships.
Constatazione 2: perché è Germania, non vuol dire che sia più pulita dell’Italia (è perché è Italia, non vuol dire che sia meno pulita della Germania – anche se spesso è così)
Constatazione 3: 2,00€ (minimo) per un litro di acqua è un furto. Pagherete e riceverete anche 0,25€ a bottiglia, ma è pur sempre acqua!
Constatazione 4: gli Straßenkinder esistono davvero. Ne ho visti pochi, ma ci sono sul serio.

(successivamente aggiunta-
Constatazione 5: l’acqua costa 2€ e la birra 0,50€, non stupitevi, quindi, se nella metro di prima mattina vedete solo persone con la birra in mano
)


GIORNO 2:

Mitte: Brandenburger Tor, Deutscher Bundestag (e cupola, potete prenotare la visita qui), Tiergarten con il meraviglioso Rosengarten, Sowiet Ehrenmal, Siegessaeule, Kaiser Wilhelm Kirche (conosciuta anche come la Chiesa Rotta), KaDeWe (Kaufhaus des Westens), Wittenbergplatz, Bauhaus – Archiv, Denkmal fuer die emordeten Juden Europas (Memoriale dell’Olocausto), Deutsch Bank Kunsthalle, Franzoesicher e Deutscher Dom (Gendarmenmarkt) e Oranienburgerstrasse.


Constatazione 6: i berlinesi hanno un problema con le strisce pedonali. Se sei fortunato, trovi delle linee tratteggiate ai lati di quelle che dovrebbero essere strisce. Se ti va male, non c’è proprio neanche un po’ di vernice sulla strada e devi attraversare “all’italiana”: ti butti in mezzo alla strada sperando che nessuna macchina (tra l’altro, a una velocità elevata) ti investa.
Constatazione 7: adorano il cibo italiano. Ci sono ristoranti che propongono la nostra cucina OVUNQUE. Questione: sono io l’unica ad aver paura di quello che potrebbero spacciarmi per pasta/pizza (e che non voglio pagare 7€ per una normale pasta al pomodoro???)
Constatazione 8: anche i tedeschi possono e sanno fare rumore quando parlano. Silenziosi in certi luoghi, ma in altre occasioni…

 


GIORNO 3:

Mitte: Litfassplatz, Alte National Galerie (Museumsinsel), Lustgarten, Rotes Rathaus, Berliner Dom, Denkmalalgeschuetzte Anlage.

Nikolaiviertel: Nikolaikirche, Museum Knoblauch Haus, e la carinissima piccola pasticceria Tigertoertchen.


Constatazione 9: i tedeschi sembrano avere una vera e propria passione per i calzini, non nel loro tradizionale “calzino bianco con sandalo”, ma con pantaloncini, calzettoni fino alle ginocchia e scarpe. 
Constatazione 10: compri acqua? Nestlé. Compri prosciutto? Nestlé. Compri formaggio? Nestlé. 
La Nestlé sembra avere il potere qui in Germania 
Constatazione 11: anche i tedeschi sono persone normali. C’è chi è gentile, chi scortese, chi parla bene inglese e chi spiaccica a malapena qualche parola. C’è anche chi ha imparato a gesticolare per farsi capire, e chi è stressato e ha giornate odiose (sì, cara cassiera, sto parlando di te, ma sappi che anche se per alcuni svariati minuti ti ho odiata, ti perdono perché so di essere stata solo una delle centomila persone che ti sono passate davanti oggi).


GIORNO 4:

Friedrichshain e dintorni: East Side Gallery, Warschauer Strasse, Gruenberger Strasse, Boxhagener Platz, Mariannenplatz, Maerkischerplatz


Constatazione 12: anche a Berlino esistono le cosiddette persone stravaganti e alternative. Nel quartiere “differente” abbiamo visto gente parlare da sola e persino senzatetto con due scatole per l’elemosina, una per gli oggetti personali e una per “weed”. Schietti, concisi e dritti al punto!
Constatazione 13: gli stranieri aiutano gli stranieri. I più amichevoli e comprensivi finora sono stati i turchi e una ragazza sudamericana. I berlinesi veri e propri fanno più fatica ad aiutare, rispondono con una smorfia e continuano come se niente fosse.
Constatazione 14: è il paradiso dei lavoratori, ma per gli altri lo è un po’ meno. La maggior parte delle attività commerciali apre alle 11.00 / 12.00 e chiude alle 18.00 / 19.00 , sia che sia panificio, sia che sia gelateria, pasticceria, supermercato, o negozio di vestiti. Hai bisogno di qualcosa? Aspetti fino a domani.


GIORNO 5:

Bernauer Strasse, The Berlin Wall Documentation Centre, Oderberger Strasse, Museum fuer Film und Fernsehen (museo del cinema e della televisione, gratis il giovedì dalle 16:00!)


Constatazione 15: meno hai, più lo sfrutti. In ogni angolo della strada si trova una curiosità o un particolare evento accaduto durante la Seconda Guerra Mondiale, con tanto di insegne e spiegazioni in tedesco e inglese. Così si fa! 
Constatazione 16: meglio andare a piedi. Le distanze sono un po’ proibitive, ma basta dividere per zone e andare all’esplorazione. Risparmi fatica (3 mappe in totale, e neppure semplici), soldi (al contrario di quello che mi sarei aspettata, non sono affatto economiche) e non ti perdi zone fantastiche, come i quartieri residenziali.
Constatazione 17: sanno cucinare e fare il caffè. A volte meglio, a volte peggio, ma anche qui sanno trattare bene il loro palato.
Constatazione 18: domani è l’ultimo giorno. 


GIORNO 6:

Charlottenburg: Charlottenburg Schloss e il parco.


Arrivata a Verona, le mie constatazioni e le buone intenzioni per scrivere qualcosa di finalmente positivo, sono svanite per dare precedenza a fame e stanchezza. 

Veronica ♥

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...