Miami, USA

Esattamente 11 mesi fa mi trovavo in un continente a 11 ore di volo dall’Italia.


La mia esperienza a Miami è stata particolare, perché era parte del Programma Doppio Diploma. Durante la settimana frequentavamo la scuola del posto, e nei weekend visitavamo la città o facevamo un giro al mall.

A Miami il traffico è una delle cose che ti rimangono più impresse (insieme al caldo afoso che ti fa pensare di morire ogni volta che esci): strade enormi, piene di macchine da prima che il sole sorga fino a notte fonda.

Il nostro hotel era a circa 15 minuti (in teoria) di macchina.

La realtà è che alla mattina partivamo verso le 6:50 sui famosi pulmini gialli per arrivare solo circa mezz’ora dopo. E noi che ci lamentiamo del traffico in Italia..!

L’Academy che frequentavamo era una scuola pubblica americana. Il sistema è diverso da quello italiano. Loro, infatti, hanno molti più compiti pratici che studio vero e proprio, e quindi lo sforzo che viene richiesto loro è minore rispetto a quello che viene richiesto a noi in Italia. È stato comunque utile e interessante avere la possibilità di vivere in prima persona la vera vita di uno studente americano.

La cosa più bella sono i club al pomeriggio. Quello di spagnolo ha organizzato una festa di addio a cui hanno invitato anche dei mariachi. È stato fantastico!

WEIRD FACT: la maggior parte della popolazione di Miami è di origine cubana.

Proprio per questo motivo, ho avuto la possibilità di assaggiare un po’ di cibo cubano, che non è il mio preferito, ma è particolare. Principalmente si trattava di riso e pollo, e platanito, una specie di banana tagliata a fette e caramellata.

Parlando di cibo, però, a Miami ho mangiato dei pancakes fantastici, e una sera, in un mall, abbiamo mangiato in un ristorante arredato in stile anni 60. Lì ho preso l’hamburger più buono della mia vita, e a metà della cena, hanno spento le luci e tutti i camerieri si sono messi a ballare e cantare… Una sorpresa molto carina e divertente!

Alcuni dei momenti più belli sono stati la visita alla FIU (Florida International University) e al MDC (Miami Dade College). I loro campus sono proprio come quelli che si vedono nei film, e assomigliano di più a delle piccole cittadine che alle università a cui siamo abituati qui in Italia. Non contando le tasse di iscrizione da capogiro, meritano!

Un’altra esperienza certamente indimenticabile è la partita di football americano! All’inizio della partita pioveva, e non ce la siamo potuta godere più di tanto per la nostra ignoranza nei confronti di questo sport e la temperatura che si era abbassata. Anche questa, non ha smentito le aspettative cinematografiche!

Bayside, Miami Beach: emozione unica da provare almeno una volta nella vita.

Le spiagge di sabbia bianca, per la maggior parte libere, piene di famiglie e colori luminosissimi. Noi siamo andati di domenica, e l’atmosfera che si respirava era fantastica. Pic nic, musica, risate… Ma l’acqua, calda, era piena di meduse, e non è (almeno secondo me) così invitante come sembra nelle foto.

Un viaggio da fare almeno una volta nella vita, e spero di aver l’opportunità di andare oltre oceano di nuovo, per vedere di più e meglio il Paese.

Veronica ♥

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...